Lettere della Segreteria

Lettera al Presidente del Consiglio Renzi – Lavoratori ex Isochimica Avellino

Al Presidente
del Consiglio dei Ministri
On. Matteo Renzi
p.c. Al Presidente XI Commissione
Lavoro pubblico e privato
della Camera dei Deputati
On. Cesare Damiano
Al Presidente della Giunta
della Regione Campania
On. Stefano Caldoro
Al Segretario Generale
della CISL
Raffaele Bonanni

Oggetto: Lavoratori ex Isochimica – Avellino

Egregio Presidente, facciamo seguito alla nostra precedente lettera di pari oggetto (Prot.n.151-14 LL/vv del 25 marzo u.s., che alleghiamo alla presente) con la quale avevamo chiesto un Suo autorevole intervento nei confronti dell’XI Commissione Lavoro della Camera dei Deputati affinché venisse messa all’ordine del giorno la discussione sulla proposta di Legge, presentata a firma dei Parlamentari irpini Onorevoli Giuseppe De Mita, Valentina Paris, Giancarlo Giordano,
Angelo Antonio D’Agostino, recante il “Riconoscimento del trattamento pensionistico per i Lavoratori delle imprese dell’amianto”.
Abbiamo appreso con piacere che tale proposta – Atto n. 1426 –, volta al ripristino delle disposizioni già previste dalla Legge 257/92 (Capitolo IV – Art. 13) in materia di pensionamento anticipato dei lavoratori nei confronti dei quali l’INAIL ha accertato l’esistenza di patologie asbesto-correlate, grazie alla Sua risolutiva azione, è stata finalmente
incardinata nei lavori della summenzionata XI Commissione Lavoro il 23 giugno u.s.
A tal proposito è appena il caso di ricordare che da molto tempo il Ministero del Lavoro, l’INAIL e l’INPS sono in possesso dei dati relativi alla platea dei lavoratori – circa 1.300 in tutta Italia – ai quali lo stesso INAIL ha riconosciuto (come già sopra richiamato) l’esistenza di patologie asbestocorrelate.
Tanto ci sembra dovuto anche al fine di neutralizzare, definitivamente, ogni tentativo demagogico di coloro che sostengono che la proposta dei Parlamentari riguarderebbe tutti i lavoratori esposti all’amianto, non solo quindi quelli a cui è stata riscontrata la malattia.
Confidiamo nel fatto che, con grande senso di responsabilità, i lavori della Commissione procederanno con speditezza e che non trascorreranno altri 12 mesi prima che questi lavoratori vedano riconosciuto il loro diritto alla pensione, anche in considerazione della tragica circostanza che fino ad oggi sono deceduti 16 lavoratori ex Isochimica, di cui l’ultimo appena un paio di giorni fa.

Certi della Sua sensibilità, restiamo in attesa di un positivo riscontro.

Il Segretario Generale CISL  Campania ( Lina Lucci )

La lettera in pdf;       

Previous ArticleNext Article

Seguici!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi