Cisl Campania, Le Notizie, Notizie da Usr

Conclusa la vertenza sulla stabilizzazione dei precari della sanità in Campania

CGIL CISL UIL CAMPANIA: ACCORDO IMPORTANTE

Si è conclusa oggi, dopo una trattativa durata mesi, la vertenza sulla stabilizzazione dei precari della sanità. L’accordo siglato da Cgil Cisl Uil Confederali e di Categoria della Regione Campania con la struttura commissariale, prevede specifici percorsi di stabilizzazione, definendo linee guida precise per le aziende e gli enti del Servizio Sanitario Regionale, in conformità con la circolare Madia.
Si tratta di un atto di giustizia per gli oltre 1300 lavoratori precari che per anni hanno contribuito al mantenimento dei LEA, ora bisogna procedere spediti su tutte le altre vertenze aperte sul fronte sanità pubblica e privata così come stabilito nel protocollo d’intesa del 13 febbraio siglato dai segretari generali Cgil Cisl Uil, Spadaro, Buonavita e Sgambati con il Presidente della giunta regionale De Luca.

DORIANA BUONAVITA: PASSO IMPORTANTE per 1300 LAVORATORI
“L’impegno assunto dal Presidente De Luca di stabilizzare i precari della sanità è stato onorato con la sottoscrizione del protocollo operativo siglato  in Regione. Quello di oggi segna un passo importante verso il più complessivo superamento del precariato in Campania, tema molto caro alla Cisl ed alle sue categorie,  Funzione pubblica, Medici, Ricerca,  Felsa e Università”. E’ quanto afferma il segretario generale della Cisl Campania, Doriana Buonavita  a seguito della firma dell’accordo .   “Rivendichiamo con orgoglio il contributo offerto dalla nostra organizzazione che, insieme a tutti i componenti del tavolo, dirigenza compresa, ha favorito la chiusura di una
vertenza antica .  I tanti precari della sanità campana da anni aspettavano il riconoscimento delle loro diverse competenze con un contratto a tempo indeterminato.  La dignità delle persone passa anche  attraverso un lavoro stabile – prosegue Buonavita-  un patrimonio di professionalità che non può essere disperso perché è stato capace di assicurare insieme ai lavoratori dipendenti, la continuità  nell’erogazione delle prestazioni per il garanzia e mantenimento dei LEA. Il blocco del turn over, i tagli alla spesa con la riorganizzazione della rete ospedaliera dove ancora tanto si deve fare intervenendo sulla rete dell’emergenza urgenza, 118 e potenziamento del territorio,  hanno segnato un percorso non facile per la definitiva uscita dal Commissariamento. Ora – conclude – il prossimo obiettivo sarà dare inizio alle procedure di reclutamento del personale prevedendo coefficienti di premialità a favore di tutti i lavoratori che hanno maturato negli anni esperienze
professionali importanti. Il verbale a latere dell’accordo va proprio nella direzione di quanto previsto nell’ordine del giorno del Consiglio Regionale, nel quale si impegna il Commissario e il direttore generale per la tutela della salute, a valorizzare iprecari che risultano oggi esclusi dalle procedure di stabilizzazione. Le scelte di buon senso e politicamente corrette delle parti hanno dimostrato ancora di più come il contributo di ogni soggetto politico e sociale sia determinante per affrontare e risolvere i bisogni di lavoratori e cittadini”.
Previous ArticleNext Article

Seguici!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi