Le Notizie, Notizie dai Territori

ANM: Cgil, Cisl e Uil, basta conflitti Istituzionali

Napoli, 24- 07-2018.

Un tavolo di confronto formale fra Regione, Città Metropolitana e Comune di Napoli che “affianchi il confronto sul piano concordatario e assuma il rilancio del sistema del trasporto pubblico locale regionale e metropolitano e delle aziende pubbliche che lo gestiscono come uno dei temi fondamentali per la crescita economica e sociale dei nostri territori”. E’ la richiesta dei segretari generali provinciali di Cgil ,Cisl e Uil, Walter Schiavella, Gianpiero Tipaldi e Giovanni Sgambati e di categoria FiltCigl, Fit Cisl e Uil trasporti, Amedeo D’Alessio,  Alfonso Langella e Antonio Aiello, nel corso della conferenza stampa che si è svolta oggi in casa Cisl.

In particolare si è discusso della grave crisi che sta vivendo l’Anm e sulle possibili soluzioni, “visto che allo stato attuale risulta difficile mantener fede agli impegni assunti nel verbale del 9 luglio, alla luce di alcuni vincoli oggettivi che vanno affrontati” affermano i sindacalisti. In primo luogo la condizione finanziaria complessiva del Comune in predissesto e la spada di Damocle della sanzione della Corte dei Conti, non danno alcuna certezza circa la effettiva disponibilità delle risorse fin qui annualmente stanziate ( 54 mln) neanche per il 2019 e ,certamente, il problema si pone a partire dal 2020. Per il sindacato “in attesa di un auspicato cambio in positivo del quadro di riferimento normativo e finanziario nazionale, occorre considerare la possibilità di modificare l’assetto societario e conseguente governance mediante l’ingresso di nuovi soci istituzionali con l’obiettivo di incrementare la liquidità”. Modifica che va costruita “ in maniera funzionale e coerente ad un progetto industriale che assuma l’integrazione dei sistemi di TPL su scala metropolitana come asse portante di una più ampia programmazione regionale. I processi di riqualificazione e ricollocazione del personale vanno quindi inseriti in tale contesto e resi coerenti anche con un più generale ridisegno e riassetto del sistema delle partecipate e degli stessi servizi comunali” Per Cgil, Cisl e Uil “è ora di smetterla con un conflitto istituzionale che non porta a nulla. Non è pensabile che la Regione non assuma la centralità strategica di Napoli in tutte le sue scelte, a partire da quella che riguarda il futuro di un’ azienda come ANM. Così come non sono accettabili i ritardi nella definizione di un ruolo e di una azione più incisiva della città metropolitana su tematiche decisive per i cittadini a partire dai trasporti. E allora ci chiediamo perché, stante la situazione attuale e fermo restando le quantità finanziarie definite nel piano, piuttosto che rivendicare interventi ulteriori da una parte o sbandierare finanziamenti già erogati dall’altra, non si definisca un diverso piano di intervento che, sulla base di un vero e reale progetto di trasporto pubblico locale su scala metropolitana, integrato con il sistema regionale, ipotizzi un intervento diretto, della città metropolitana e della Regione nei capitali delle aziende di trasporto pubblico locale.

Guarda il Servizio del TgR Campania

Guarda il servizio di Videoinformazioni

 

Previous ArticleNext Article

Seguici!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi