Cisl Campania, Notizie dalle Federazioni di categoria

Appello della Cisl Campania al ministro Speranza: “Un errore ignorare i precari della sanità che per anni hanno garantito l’assistenza”

Tangenti per le assunzioni? Se De Luca è a conoscenza di episodi vada in Procura e il sindacato sarà al suo fianco

“Le dichiarazioni del governatore De Luca sui precari della sanità pubblica sono frutto, a nostro avviso, di confusione normativa e di un non esaustivo confronto sul tema”. Così replicano Doriana Buonavita, Lorenzo Medici e Luca Barilà, rispettivamente segretari generali della Cisl Campania, della Cisl Funzione Pubblica e Felsa Cisl regionale, alle dichiarazioni del presidente della Regione Campania. “Crediamo sia arrivato il momento della concretezza e della verità, bisogna parlare chiaro e agire per puntare decisi al rilancio dell’assistenza sanitaria in Campania”.~”Il sindacato confederale non ha mai chiesto stabilizzazioni fuori dai parametri di legge – spiegano i vertici della Cisl – piuttosto è la Regione Campania che non ha rispettato e vigilato sul rispetto delle linee guida emanate sulla base di un accordo sindacale”.
In tutte le Aziende sanitarie della Regione Campania è evidente la necessità di recuperare anni di politiche recessive in materia di reclutamento e gestione del personale, che hanno determinato in primis l’invecchiamento del personale in servizio e poi l’indifferenza verso i reali fabbisogni di personale, che risultano ben lontani da quanto stabilito dal decreto 67 del 2016. Ad esempio, il fabbisogno per la figura di Operatore socio sanitario, che nel vecchio decreto dovrebbe essere di circa 5000 unità su base regionale, ad oggi risulta del tutto inadeguato.
“Sul tema reclutamento la Cisl ha da sempre una posizione chiara e trasparente, impegnata ad accelerare il processo di assunzione di tutti i vincitori di concorso e dei precari che da anni hanno assicurato i Lea (livelli essenziali di assistenza). Il tutto attraverso la proroga dei contratti in essere fino al completamento delle procedure concorsuali, in atto e ancora da bandire; la definizione del reale fabbisogno del personale sanitario (infermieri, oss, personale tecnico-amministrativo, ricercatori, medici, personale universitario); nuovi concorsi che prevedano sostanziali premialità finalizzate a valorizzare le professionalità maturate a qualsiasi titolo. L’auspicata uscita dal piano di rientro e le deroghe normative e finanziarie necessarie al percorso indicato richiedono l’urgente e tempestivo intervento del ministro Roberto Speranza dal quale ci aspettiamo la massima attenzione ad un territorio fortemente penalizzato in questi anni in tema di cura e assistenza ai cittadini.
“Certe dichiarazioni rischiano di alimentare pericolose frizioni tra i lavoratori, vittime di facili strumentalizzazioni se la Regione non aprirà immediatamente un serio e fattivo confronto chiarificatore e risolutivo dell’intera partita sanità”. “Bisogna unitariamente, Regione, Direttori delle Aziende sanitarie e Organizzazioni sindacali, rilanciare e sostenere la vertenza an[Marker]che sul piano nazionale per superare gli ostacoli normativi e quelli di ordine finanziario, usati finora pretestuosamente per rallentare i percorsi da condividere.
Ci vuole rispetto per tutti gli operatori del settore – aggiungono Buonavita, Medici e Barilà – Se il governatore è a conoscenza di tangenti elargite o di sindacalisti corrotti ha il dovere di recarsi subito in Procura a denunciare questi reati gravissimi e la Cisl è pienamente disponibile ad accompagnare la sua azione”.

Previous Article

Seguici!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi